25 Luglio 2022 - Presidio della Vigilanza Privata davanti alla Prefettura di Milano

vigilanza 6 anni200ORA BASTA. CONTRATTO SUBITO

I lavoratori della vigilanza privata e dei servizi di sicurezza hanno tenuto un presidio davanti alla prefettura di Milano lunedì 25 luglio dalle 10 a sostegno della trattativa per il rinnovo del loro contratto nazionale scaduto nel 2015

Non è più tempo di rimandare se si vuole tutelare la dignità del lavoro e difendere il potere d’acquisto dei cittadini oggi messo a dura prova anche dall’inflazione che sta colpendo tutti ma soprattutto i lavoratori, affermano le segreterie regionali di Filcams Cgil Fisascat Cisl e Uiltucs

È fondamentale agire per trovare una soluzione affinché ci sia una diversa distribuzione della ricchezza che oggi vede un modello iniquo che sfavorisce soprattutto coloro che vivono da reddito dipendente, pensionati e lavoratori autonomi. 

La situazione dei lavoratori della vigilanza, che nella sola Lombardia sono ben più di 20.000 è drammatica e a peggiorare una condizione già gravata da salari lontani dal poter essere considerati dignitosi ci sono le complesse condizioni lavorative alle quali sono sottoposti molti addetti, costretti a subire turni e orari improponibili pur di avere uno stipendio nemmeno dignitoso.

 

Sono molti coloro che sono sottoposti a flessibilità e reperibilità costante da parte dei propri datori di lavoro, che non di rado comunicano cambiamenti di turno con un anticipo di poche ore, spesso il giorno stesso e a turno già iniziato.

Non è ammissibile che nel nostro Paese ci siano così tanti lavoratori con contratti collettivi spesso scaduti da anni e che pur lavorando sono poveri.

La domanda ci sorge spontanea: ma possiamo realmente ancora definirci un Paese civile?

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs  “denunciano quella che è una situazione drammatica in cui versa il settore e lo stato di sofferenza e di profondo disagio dei lavoratori e delle lavoratrici che da ben sette anni senza un aumento salariale, con stipendi insufficienti, di fronte alla costante violazione delle norme di legge e dei contratti anche in tema di salute e sicurezza e alla cronica carenza di tutele adeguate rispetto all’evoluzione del settore”.

Problemi che vanno letti nel contesto già fortemente difficile di un’attività basata su contratti di appalto pubblici e privati, in cui la mancata definizione di norme adeguate per la tutela della professionalità e dell’occupazione espone migliaia di persone alla mera logica del massimo ribasso. 

Da evidenziare poi  il colpevole “silenzio” delle istituzioni che non esercitano la funzione di controllo e intervento loro assegnata dalle norme vigenti, “comportamento ancor più inaccettabile se riferito a lavoratori e lavoratrici che quotidianamente garantiscono la sicurezza privata e pubblica, come ampiamente dimostrato dal lodevole impegno espresso durante l’intera fase emergenziale sanitaria, spesso facendosi carico di compiti impropri in nome dell’interesse generale”.

È ora di agire le persone non sono numeri e come tali hanno bisogno di risposte.

PresidioVigilanza