Area Sindacale Express!

Se vuoi ricevere nella tua mail il nostro mensile "Area Sindacale", devi solo iscriverti gratuitamente alla Mail List, inserendo il tuo nome e l'indirizzo email dove verrà spedita la newsletter.

Ricordati di rispondere alla mail che ti sarà inviata entro pochi minuti, per confermare l'autenticità della tua adesione

Le News del Sito

Area Sindacale n. 117 - Gennaio 2016

31-12-2015 Hits:572 Area Sindacale Sergio Del Zotto

  é in linea Area Sindacale n. 117 di Gennaio 2016 In questo numero: L’ostracismo del SindacatoCongedo Parentale Ex Post MaternitàI danni dell’analfabetismo funzionaleImmigrazione 2015: un anno orribileTTIP e CETA: perché devono essere...

Read more

Presidio all'Hotel Boscolo in difesa del…

29-01-2016 Hits:453 MosaicoTv Sergio Del Zotto

Gennaio 2016 - All'hotel Boscolo di Milano hanno licenziato tutte le lavoratrici addette alla pulizia delle camere. Hanno approfittato del cambio di appalto per lasciare a casa 40 madri di famiglia. Questi...

Read more

Firmato il Contratto Aziendale SISAL Gro…

30-01-2016 Hits:399 Sisal Sergio Del Zotto

Il 21 gennaio 2016, in seguito alla disdetta avvenuta ad aprile del 2015, è stato sottoscritto il nuovo Accordo Aziendale Nazionale del gruppo SISAL S.p.A.. L'accordo conferma la continuità delle relazioni...

Read more

Area Sindacale n. 118 - Febbraio 2016

30-01-2016 Hits:373 Area Sindacale Sergio Del Zotto

  é in linea Area Sindacale n. 118 di Febbraio 2016 In questo numero:   Sciopero delle mense il 5 febbraio 2016Diritti alla meta27 gennaioPiccolo tentativo di inquadrare la Legge di Stabilità 2016Ammortizzatori sociali...

Read more

Esselunga: un Accordo di svolta sul Lavo…

01-02-2016 Hits:498 Esselunga Sergio Del Zotto

Nella tarda serata di venerdì 22 gennaio, dopo tredici mesi di negoziato, è stata sottoscritta una ipotesi di accordo con Esselunga in merito alla regolamentazione del lavoro domenicale.L'intesa stabilisce i principi e...

Read more

giovanni riflessioni trasp

Contesto politico complicato, ma i problemi possono diventare opportunità

Nel giro di 5 giorni -19 e 23 giugno - le urne ci hanno fatto sapere che Roma e Torino saranno “governate” da due giovani Sindache del M5S e che la Gran Bretagna ha deciso di uscire dall’Unione europea, dove già stava in condizioni particolari. Se a questi eventi, a loro modo storici e carichi di implicazioni, aggiungiamo il Referendum costituzionale del prossimo mese di ottobre che, dopo aver spaccato il Parlamento, rischia di avvelenare la campagna per il Si o il No, ci rendiamo conto che di tutto c’è bisogno in questo “momento” tranne che di risposte emotive e irrazionali che aggravano anziché risolvere con equilibrio i problemi. Il Paese non ha bisogno di ulteriore veleno bensì di recuperare la “normalità” democratica, a partire da una buona legge elettorale che non può avere come scopo solo il “sapere chi ha vinto la sera stessa delle elezioni”. Il tiro al piccione nei confronti di Matteo Renzi è dannoso e controproducente, aldilà delle sue responsabilità nell’aver voluto personalizzare il Referendum costituzionale che dovrà invece essere preceduto da informazione appropriata e confronto civile affinché la Costituzione possa essere più efficacemente attuata in tutte le sue parti qualificanti. Con il “fenomeno Renzi” i conti bisogna saperli fare, ma evitando di cadere dalla padella alla brace, come qualcuno spera attraverso semplificazioni pericolose che, alla lunga, indeboliscono la democrazia sostanziale e tutto ciò che ne consegue in termini di sviluppo economico, politiche sociali, diritti civili, apertura al mondo globalizzato che richiede di saper stare assieme ad altri in un’ottica di maggior sicurezza e benessere, non già di rinuncia. Questa è l’Europa concepita dai padri fondatori, che ha bisogno di statisti, non di politici irresponsabili che le studiano tutte pur di vincere le elezioni o eliminare gli avversari, costi quel che costi.

Leggi tutto...

cassa integrazione in deroga in Regione Lombardia

kh10mini200Le recenti e allarmanti notizie sull'esaurimento delle risorse degli ammortizzatori sociali in deroga hanno reso attuale e riacceso l'attenzione sul problema del finanziamento di questi strumenti che servono a tamponare crisi momentanee e strutturali e che in prospettiva dovrebbero essere sostituite dall'ASPI e dalle altre politiche attive per il lavoro previste dalla cosiddetta "legge Fornero".

La Uiltucs Lombardia pensa di fare cosa utile mettendo a disposizione dei suoi iscritti e dei lavoratori tutti un vademecum per conoscere meglio la cassa integrazione in deroga con le nuove regole che Regione Lombardia ha previsto per il 2013 oltre che la dote lavoro e dote ammortizzatori sociali. Per realizzarlo ci siamo messi dalla parte delle persone che si trovano nella condizione di usare la cassa e che spesso pongono quesiti sulla retribuzione, sulla compatibilità con istituti contrattuali, sulla possibilità di trovare altro lavoro, sulla necessità di frequentare corsi o altre politiche attive per il lavoro etc. Fateci sapere che ne pensate. Buona lettura

Per scaricare il testo clicca sull'immagine